redazione@bambinidiroma.com

Ti porto l’Orto

Vi ricordate quando vi abbiamo parlato di un luogo unico a Roma dove poter mangiare con i bambini e in più potervi sentire in campagna, circondati da ulivi e orti? Si trattava della “folle” idea della Cooperativa Garibaldi e dell’AgriAutismo delle “Casa delle Autonomie” (Via di Vigna Murata 573).

Il progetto è nato dalla volontà e l’entusiasmo di un gruppo di genitori di ragazzi con autismo alla ricerca di luoghi e opportunità di crescita e cura per i propri figli. Nel 2005 questa idea ha incontrato la realtà dell’ I.T.A.S G. Garibaldi e da allora è cresciuta fino a diventare l’AgriAutismo: un ambiente conviviale ed essenziale, un’isola nel cuore di Roma che propone e favorisce lo scambio di idee, opinioni a tavola e sopratutto inclusione sociale. Il servizio cordiale ed informale, come tutte le attività utili a gestire l’attività commerciale sono coadiuvate dai ragazzi della Cooperativa G.Garibaldi.

Ma chi è abituato a sognare e lottare per le proprie idee difficilmente smetterà mai di farlo e così i ragazzi della Cooperativa adesso hanno deciso che, non solo vogliono accogliere tutti coloro che hanno piacere di passare un giorno alla cooperativa per comprare i prodotti degli orti o fermarsi per una cena alla trattoria, ma vogliono essere loro ad andare incontro agli altri. Come dire: se Maometto non va alla montagna, sarà la Montagna ad andare da Maometto.

E’ nato così il Progetto “Ti P’orto l’orto con l’A.P.E. che gira”, con lo scopo di portare a compimento il ciclo produttivo della Cooperativa Sociale G. Garibaldi, attivando un punto vendita ambulante. Nello specifico, i giovani adulti con autismo severo della Cooperativa incontreranno al “mercato” la città “p’ortando” i frutti del proprio orto con un banco ambulante degli ortaggi, che diventa un moltiplicatore di opportunità di incontro e quindi potenziale strumento abilitativo. Portare nella città i prodotti del proprio orto é portare “se stessi” tra la gente, è un’occasione di incontro, di proposta del proprio lavoro e di scambio di linguaggi e prodotti. Infine “Ape che gira” è uno strumento permanente per promuovere “consapevolezza” e “conoscenza” al fine di sensibilizzare i cittadini sui disturbi dello spettro autistico.I ragazzi con “l’Ape che gira” potranno attivare un servizio di consegne a domicilio e in punti vendita sparsi nel territorio e tutti noi potremmo godere di prodotti freschi, biologici e…far parte di un piccolo sogno che si avvera.

Vi piace questa idea? A noi parecchio e per sostenerla dovete solo votarla tra i molti progetti che partecipano alla selezione “Coltiviamo Agricoltura Sociale”.

Dovete semplicemente accreditarvi a questo indirizzo https://www.coltiviamoagricolturasociale.it . Riceverete in seguito una mail con un link che vi indirizzerà all’elenco dei progetti in ordine alfabetico e alla T di “Ti porto l’orto con l’A.P.E che gira” potrete votarli. C’è tempo fino al 29 novembre!

Se volete un “assaggio” dei prodotti della Coopertiva, aspettando di farvi un giro da loro (per prenotare clicca qui), guardate questo video

About the Author